In una tiepida e profumata giornata di inizio primavera raggiungo la cittą di Montalcino attraverso una campagna delle crete Senesi in verde e progressivo risveglio

 

       

 

       

       

Accarezzo appena le mura della cittą del vino pił famosa di Toscana per poi dirigermi verso le terre del Monte Amiata attraverso il

Passo del LUME SPENTO  621 mt

SANT' ANGELO IN COLLE

           

       

       

       

       

La campagna ai piedi del Monte Amiata declivia dolcemente verso la maremma, i colori della primavera vibrano decisi nel nuovo tepore dell'aria

       

       

       

In estasi da viaggio seguo la deviazione che conduce al castello Banfi rinomato per la produzione del celeberrimo Brunello ma anche di ottimi bianchi, atipici per le terre Toscane,  recensiti positivamente dal MAT

POGGIO ALLE MURA

       

       

       

           

Lasciatomi alle spalle il suggestivo Castello supero il confine che mi immette nelle terre di Maremma, il verde e' presenza consistente anche in queste regioni  nei pressi di Cinigiano un piccolo ma grazioso borgo con il suo Castello e' tappa obbligata

 

   

 

       

 

CASTEL PORRONA

 

       

 

               

       

       

Attraversando quelle che rappresentano le ultime terre prima della inquieta distesa del mare dirigo deciso verso il capoluogo di questa regione, storica cittą di frontiera che ha lottato e vinto a prezzo di enormi sacrifici contro le paludi e l'invisibile nemico che vi si annidava: la malaria. 

GROSSETO

   

           

           

IL DUOMO

               

           

LE MURA

       

       

       

Anche questa breve giornata e' giunta al termine, sara' la veloce ma poco emozionante Grosseto Siena a riportarmi verso casa