AREZZO E PROVINCIA


AREZZO E PROVINCIA


 

ENOLOGIA

 

Grande varieta di produzuione vinicola e ottima qualità tra vini famosissimi e spesso irraggiungibili:

 dal Celeberrimo Sassicaia all' Ornellaia, al Bolgheri Rosso per terminare all'Elba rosso.

Quattro le denominazioni DOC

 

DOC BOLGHERI

 

DOC MONTESCUDAIO

 

DOC VAL DI CORNIA

 

DOC ELBA

 


 

 GASTRONOMIA

 

La cucina ha caratteristiche inimitabili che derivano dalla particolare fisionomia di questa terra che si sviluppa tra il mare e le colline

dando origine a tradizioni gastronomiche diverse.
Quella marinara propone prima di tutto il cacciucco, un zuppa saporita con diverse qualità di pesce, le triglie alla livornese, il riso al nero di seppia, crostacei e molluschi, le seppie con le bietole, il polpo lesso ed infinite variazioni sul tema del mare, accomunate dal sapore deciso e dall'aroma intenso.
I piatti tipici della tradizione toscana a base di pasta fresca, selvaggina, salumi, verdure e funghi caratterizzano la cucina dell'entroterra. Il miele, il pane cotto a legna, i formaggi hanno sapori autentici.

 


PRESIDIO SLOW FOOD

Palamita del Mare di Toscana
Pesce “di passo”, la palamita appartiene alla famiglia dei tonni e degli sgombri, ai quali assomiglia nell'aspetto. Ha corpo allungato (può arrivare fino a 80 centimetri di lunghezza), fusiforme, bocca ampia e munita di numerosi denti affilati e taglienti, occhi tondi piuttosto piccoli, ed è facilmente riconoscibile per alcune striature nerastre che la attraversano obliquamente su fondo di colore blu elettrico. Viene pescata nel periodo che va dalla tarda primavera all'inizio dell'estate e ancora a fine settembre, più o meno quando raggiunge i cinque, sei chili di peso. La zona di pesca si estende a tutta l'area marina dell'Arcipelago Toscano, ma è più intensa in alcuni punti: uno di questi è Capo Enfola, nei pressi di Portoferraio, dove fino a qualche decennio fa esisteva una tonnara per la mattanza. Un tempo era pescata con grandi reti a maglia larga dette “palamitare” che stazionavano in mare anche per lunghi periodi. Attualmente, però, le palamite sono catturate prevalentemente dai grossi pescherecci e, benché non si possa definire un pesce “a rischio”, come altre specie, è vittima dell'eccessivo sfruttamento delle risorse ittiche.
La palamita è erroneamente considerata un parente povero del tonno, ma in realtà messa sott'olio, come vuole la tradizione, è una vera prelibatezza.
Il Presidio si propone di stimolare la ripresa di questa lavorazione e completare un percorso di filiera: per ora ci sono i pescatori che vorrebbero riprendere la pesca con l'antica rete (non è altro che la menaide) e ci sono ristoratori interessati a riproporre la palamita sott'olio. Mancano ancora i trasformatori, che fino agli anni Sessanta producevano normalmente questa squisita conserva.

A tavola
La palamita è un pesce generoso dalle mille possibilità. Le sue carni, dal sapore forte e con una leggera punta di acidità, possono essere cucinate in svariati modi: alla griglia, condite con erbe fini, olio, sale, oppure in umido, con pomodoro, prezzemolo, aglio, capperi, olive e peperoncino che qui all'Elba, chissà perché, si chiama “zenzero”. Ma il modo migliore per gustare la palamita è sott'olio: si lessano i pesci più grandi dopo averli tagliati a filetti e si mettono sott'olio con foglie di alloro, pepe e l'immancabile “zenzero”. Il risultato sono filetti delicatissimi, simili a quelli del tonno. Un prodotto semplice che può essere gustato da solo o che può essere utilizzato per preparare sughi e ripieni di verdure.

Area di produzione:
Area marina del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, dall'isola del Giglio a Capraia (province di Grosseto e Livorno).

Presidio sostenuto da:
Provincia di Grosseto, Provincia di Livorno, Comune di San Vincenzo, Comune di Piombino, Consorzio Tirreno Promotour
 


AREZZO E PROVINCIA


 

Ristorante IL VECCHIO FRANTOIO

Castagneto Carducci (LI) 0565/763731

Ristorante Il Vecchio Frantoio

CUCINA TIPICA CASTAGNETANA

... Il mangiare è di due razze, quello ricco e quello povero.

 Quello ricco riesce quasi sempre bene, perchè c'è scelta ed abbondanza, quello povero riesce o così o così, o buono o divino...

 

Antipasto toscano di Crostini e Affettati tipici

Antipasto di Cacciagione Affetti e crostini di Cinghiale

Tagliatelle alla Frantoiese

Tagliatelle al cinghiale

Ravioli al sugo

Panna cotta al cioccolato

Crema di torrone

 

Il tutto rigorosamente fatto in casa ed annaffiato da un

MONTEREGIO DI MASSA MARITTIMA

Forte come le terre dove nasce ma sottile e piacevole al palato

 


 

Spaghetteria da MARIA PIA

Sassetta (LI)  0565\794388

Per uno spuntino o un pranzo veloce ma gustoso dopo le splendide curve della Monteverdi-Castagneto Carducci

 


 

Pizzeria IL SEPARE'

Cecina mare (Li)

Sul lungomare di Cecina, piccolo ristorante con terrazza sul mare, ottimo pesce con spesa media, da gustare le cozze alla Livornese.

 


 

Ristorante Pizzeria LA VELA 

loc La Mazzanta VADA (LI) 0586\770230

Prelibati piatti di pesce con ottimo rapporto qualità prezzo, da non perdere!

 

 

 


AREZZO E PROVINCIA


 

entry page