Spagna - i pirenei e la costa nord Andorra - cantabria - Paesi baschi picos d'europa

 

4° GIORNO  Vehia - Pamplona

 

Giornata dedicata ad un veloce trasferimento verso Pamplona, ridiscesa la dorsale Pirenaica affrontiamo la densa calura che avvolge la valle per raggiungere la città della celeberrima Corsa dei Tori dedicata a San Fermin e che si svolge il 6 di luglio, inizialmente una cerimonia tradizionale di conduzione dei tori verso l'arena si è poi trasformata nella folle manifestazione che tutti conosciamo e che Hemingway ha consegnato alla notorietà mondiale grazie ad un suo romanzo: "il sole sorge ancora".

Pamplona senza Corsa appare poco gratificante, delusi nelle aspettative vistiamo velocemente le sue vie prima di concederci il meritato riposo in un Hotel poco lontano dal centro storico

 

   

 

5° GIORNO  Pamplona - Zarautz

 

Il breve trasferimento necessario al raggiungimento della cittadina costiera di Zarautz permette di addentraci in una delle regioni più particolari della Spagna e di questa zona compresa tra il paese Iberico e la Francia, siamo infatti nei Paesi Baschi "Euskadi", terra unica di una popolazione unica la cui origine nella notte dei tempi è avvolta nel mistero, detentori di una autonomia ben superiore alle altre regioni spagnole i Paesi Baschi ambiscono alla totale indipendenza da Madrid e alla creazione di uno stato Basco indipendente come non smette di ricordare la bandiera nazionale esposta ogni dove e alcuni striscioni appesi nella piazza principale della Cittadina che ricordano ai turisti che qui non siamo in Spagna.

Un cenno merita anche e sopratutto la lingua Basca, misterioso linguaggio dalla nebulosa origine con quasi nessuna assonanza con le principali lingue Europee, presente sul territorio già dalla colonizzazione Romana ha resistito nel tempo fino a giungere ai giorni nostri in un impresa che tutte le altre lingue minori pre-indoeuropee hanno fallito.

Lingua parlata da quasi un milione di persone risiedenti la fascia di territorio tra Spagna e Francia conosciuta coma Euskal Herria (la terra dei Baschi), un tempo dichiarata illegale ed oggi legittimamente riconosciuta dallo stato.

 

       

 

La popolazione appare gentile nonostante i nostri iniziali timori, il rispetto della loro cultura genera rispetto e in fin dei conti il turismo genera ricchezza, divertente quanto piacevole quindi vivere la vita di questa località turistica affacciata sull'oceano Atlantico meta importante dei surfisti di tutta Europa, dal bagno di sole sulla lunga spiaggia dove dominano le "tende" tipiche delle spiagge oceaniche del nord Europa alla frenetica ad affollata vita della Zarautz notturna .

 

 

 

In questa località immersa nel territorio Basco raggiungiamo finalmente la coppia di amici che, a causa di nostri impedimenti, era partita dall' Italia nel rispetto di quella tabella di marcia che noi avevamo forzatamente tradito

 

 

 


Aiguestortes Bilbao