Turismo Australia - Kata Tjuta Kings Canyon

09 MAGGIO 2007

Kings Canyon - Alice Springs

 

 

 

La partenza del tour è alle ore 06.30, il cielo ancora scuro alterna gruppi di stelle a zone nuvolose, una argentea mezzaluna gioca a nascondino tra i grigi e morbidi sbuffi.

Mentre l’orizzonte tende a schiarirsi naturalmente iniziamo la nostra escursione muniti della indispensabile attrezzatura (cappello , occhiali da sole, pantaloni comodi, i jeans sono troppo rigidi, meglio la morbida  tela di cotone e scarpe da trekking e soprattutto almeno 1,5 litri di acqua a persona da bere continuamente, la disidratazione è un pericolo grave da non sottovalutare in queste calde zone)

 

       

 

La prima salita da affrontare e’ la più ripida e difficoltosa della giornata, affrontarla subito significa essenzialmente massacrare i muscoli e prosciugare i polmoni di chi, normalmente, non effettua molta attività fisica, ripida ed infinta su gradoni spesso molto alti non presenta difficoltà estreme ma mette alla prova le capacità fisiche degli escursionisti, che superato questo tratto possono agevolmente affrontare il resto del percorso.

 

       

 

       

 

       

 

Finalmente in vetta, ansimanti ma determinati, possiamo iniziare, complice la rossa luce del sole nascente, ad ammirare l’ambiente circostante che presenta un suggestiva vista  sulla vallata sottostante e su di un costone roccioso che improvvisamente tagliato da una millenaria erosione precipita silenzioso nel vuoto.

 

 

       

 

       

 

       

 

Sono milioni gli anni occorsi alla paziente natura per scavare nella roccia arenarica questo profondo canyon, sulle rocce sovrastanti i profondi strapiombi sono visibili le tracce di fossili marini e le crespe di un antichissimo mare che riempiva in ere passate il centro di questo continente quando facente parte di Gondwana, il supercontinente separatosi da Laurasia con la quale formava la primordiale Pangea.

 

           

 

       

 

       

 

Il nostro percorso procede tra paesaggi lunari, strapiombi mozzafiato e discese sul fondo del canyon dove e’ possibile trovare profonde pozze di acqua ed alcune forme di vita vegetali.

 

       

 

           

 

       

 

       

 

           

 

       

 

Scorrono veloci e senza fatica le ore trascorse in questo straordinario parco, la luce del sole accende i colori delle rocce mentre le bianche nuvole ne smorzano spesso il potere calorico, un fresco vento rende l’aria gradevole e per niente afosa.

 

 

 

       

 

       

 

       

 

le condizioni climatiche decisamente favorevoli non impediscono però ad ognuno di noi di consumare tranquillamente la scorta prevista di acqua, e’ facile immaginare cosa possa significare passeggiare in questi luoghi in presenza di temperature torride.

 

       

 

       

 

       

 

       

 

       

 

       

 

La conclusiva discesa verso valle non presenta annotazioni degne di nota a causa della sua facile percorribilità.

 

       

 

       

 

La giornata intensa non è certo giunta al termine, il tempo di una doccia, rifare le valige e pranzare e di nuovo siamo in viaggio, durante la breve attesa dell'arrivo del bus possiamo osservare le ripide pareti dei confini di Kings Canyon.

 

       

 

           

 

       

 

La nostra nuova destinazione è Alice Springs che raggiungeremo dopo 6 lunghe ore di viaggio,  piccola cittadina di frontiera nel Red Centre cresciuta intorno a quella che ai tempi dei pionieri era una stazione di posta per i rifornimenti.

Una breve sosta ad una delle rare e quindi importanti stazioni di rifornimento e centro culturale aborigeno, un paesaggio che nella sua uniformità offre notevoli stimoli visivi , un rettilineo interminabile sul quale corrono inarrestabili i Road Train (lunghi tir a 3 o più rimorchi)  ai lati del quale giacciono, in una sorta di unione post-mortem, carcasse di animali e di vetture.

 

           

   

           

 

Queste sono le emozioni che contraddistinguono questo lungo viaggio fino al nostro arrivo ad Alice Springs.

 

 

 

13a tappa - 09 Maggio

 

Kata Tjuta Darwin